Lupo

Newsflash

Aperte le iscrizioni per la quarta edizione del Corso di perfezionamento in Fauna selvatica e Sanità pubblica organizzato dal DIVET dell’Università di Milano.
Locandina e modalità di iscrizione nella sezione Corsi di Formazione.

Il Comprensorio Alpino di Caccia VC1 - Valle del Sesia, in collaborazione con AlpVet, organizza nelle giornate del 20 e del 21 giugno 2015 il "Corso di abilitazione al prelievo delle specie appartenenti alla Tipica Fauna Alpina".
Maggiori informazioni nella sezione Corsi di Formazione.

Lupo

 

Il lupo è un canide dalle grandi dimensioni la cui distribuzione sull’arco alpino ha subito importanti oscillazioni. Alla fine degli anni ‘80, dopo aver ricolonizzato l’Appennino settentrionale, il lupo ha iniziato una rapida occupazione anche delle Alpi partendo da quelle Marittime ed in seguito in pochi anni la specie è arrivata in Piemonte (Val di Susa) e successivamente individui in dispersione hanno colonizzato alcune aree delle Alpi Lepontine e Orobiche con presenze discontinue.

Il ritorno del lupo sulle Alpi, nonostante alcuni conflitti con il mondo degli allevatori, può essere considerato un fatto positivo per la specie, perché potrebbe portare ad una congiunzione con della popolazione Italiana con quella dei Balcani e quindi all’interruzione del lungo isolamento a cui la popolazione è stata sottoposta con la conseguente perdita di variabilità genetica.

La popolazioni di lupi Italiani presenta individui con un peso corporeo medio non superiore ai 50 kg (nei ♂) e con un mantello dalla tipica colorazione grigio-fulva con tonalità marrone-rossicce.

I lupi si riproducono una volta sola all’anno e gli accoppiamenti avvengono fra febbraio e marzo con cuccioli che nascono tra fine aprile e la metà di maggio dopo una gravidanza di 63 giorni.

Da un punto di vista alimentare il lupo è un opportunista in grado di nutrirsi di un ampio spettro di risorse, incluse carcasse di animali morti e rifiuti di origine antropica.

 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Cerca nel Sito